Timber Timbre - Oh Messiah!

Oh Messiah!
You’ve got a look in your eye
And with a map in your mouth,
And with a strap down at your side
We gotta find another way to move
We gotta rise up and stop this fire
We gotta put it out, we gotta put it out

Twist and Shout
We’re gonna Twist and Shout

Oh Messiah! We’re gonna stomp our feet
We’re gonna clap our hands,
All up and down these evil streets
We’re gonna find another spell to yell,
We’re gonna keep it in our hand

We’re gonna Twist and Shout

Twist and shout
We’re gonna Twist and Shout

Ah c’mon, baby
Work it on out
C’mon, baby, twist and shout
Ah, and you look so good
Ah, and you look so fine
Come on and twist a little closer now let me know that you’re mine
Come on, baby
Come on, baby

We gotta Twist and Shout

Presi la Via Comunale del Corneto, che si prolunga, a ridosso del Camposanto, fin sotto la grande Pietra, tra le vigne e gli ulivi, e si affaccia sul fiume. Tornava gente dalle vigne. Mi disse uno il posto buono, parato dal vento dove avrei potuto leggere e scrivere. Ripensandoci, con la borsa per la campagna era difficile non destare stupore. Ieri avevo lasciato il mio posto, oggi venivo al Corneto, come Carmelo l’artista, Giuseppe il pensionato, Pasquale l’anarchico. Io potevo dare all’occhio come uno di questi che non chiedono e non danno ormai più il saluto a nessuno, prendono le vie solitarie, di notte e di giorno, sono spaesati o pazzi, uccelli senza nido.
Incontrai, difatti, Giuseppe e mi chiamò e lo scansai a fatica, fui fortunato che nessuno ci vedesse: Via del Corneto è quella che è a presa diretta, subito dopo le ultime case, per chi perde la fede negli uomini. Si incomincia di là. Nicola, lo studente fallito, cominciò di là per scampare alla monotonia e alla vergogna, poi le notti di luna lo trovarono e i soldati che tornavano a licenza sul Ponte dell’Acqua a leggere i giornali, fu visto dai contadini e dai cacciatori nelle macchie, terrorizzò le donne che andavano a legnare nella Serra, fino a quando si buttò in una cisterna. Errava invitato dallo spirito maligno, che alla cisterna lo sedusse.
Scotellaro, R., L’uva puttanella. Contadini del sud, 1954, Laterza, Bari.

(via urlof)

Kraftwerk in Rome

Kraftwerk in Rome

Black water as always in my dreams.

Black water as always in my dreams.

(via sinkorswim0)

A ja ljubljiu SSSR #CCCP #annarella #fotografiaeuropa #reggio emilia #italia #italy #instapicture
studiobezoart

A ja ljubljiu SSSR #CCCP #annarella #fotografiaeuropa #reggio emilia #italia #italy #instapicture

studiobezoart